Come bloccare la fame! i migliori alleati | Giuseppe Gimondo
16670
post-template-default,single,single-post,postid-16670,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Come bloccare la fame! i migliori alleati

Come bloccare la fame! i migliori alleati

Ben trovati Ladies & Gentlemen, oggi vedremo come bloccare la fame e quali sono i nostri migliori alleati.

Può capitare di essere preda di improvvisi attacchi di fame, soprattutto quando si è particolarmente nervosi o stressati.

In quei momenti controllare quanto mangiare non è affatto semplice perchè si è più preda dell’emotività che non di uno stimolo fisiologico.

E’ importante, perciò, prevenirli: ma come? Innanzi tutto con un’alimentazione regolare e facile da sostenere.

Molte diete, soprattutto quelle modaiole, ci fanno impazzire alla ricerca di super cibi dai nomi, e dalle virtù, improbabili.

Vediamo, quindi, i 3 trucchi fondamentali per non avere problemi.

 

Come bloccare la fame? Organizzarsi prima di tutto!

cosa mangiare come spuntino notturnoOrganizza la tua dispensa in modo da avere in casa cibi sazianti ma salutari, cercando di concederti qualcosa di goloso ma che non possa fare troppi danni alla dieta.

Oltre a questo, prova ad organizzarti con piccoli spuntini da portare con te ogni volta in cui dovrai stare parecchie ore fuori casa.

Suggerisco ciò in virtù del fatto che, proprio in situazioni come queste, è ancora più difficile resistere alle tentazioni.

Quando ci si mette a dieta, soprattutto nei primi giorni, si tende ad essere molto rigidi, fin troppo!

L’ideale sarebbe fare 5 pasti al giorno (con i 3 pasti principali e 2 spuntini per spezzare mattina e pomeriggio).

Sono proprio gli spuntini che giocano un ruolo cruciale nella dieta.

Evita merendine confezionate e prodotti troppo lavorati e punta invece su cibi sani e che diano un senso di sazietà prolungato.

 

Come bloccare la fame? I migliori alleati

Come detto, la funzione degli spuntini è proprio quella di non farci arrivare affamanti al pasto successivo perciò è importante sceglierli bene.

I nostri migliori alleati sono:

Yogurt greco – Povero di grassi e ricco di proteine, è in grado di spezzare la fame anche grazie alla sua consistenza densa e cremosa. Meglio sceglierlo al naturale ed aggiungere frutta fresca, secca o avena.

Frutta secca – Calorica ma in grado di apportare molti elementi utili al nostro benessere. E’ ricca di vitamina E, proteine, Omega 3, acidi grassi insaturi che fanno bene al cuore e aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo. L’importante è non esagerare ed evitare le noccioline salate dal momento che aumentano la ritenzione idrica.

Frutta fresca – Validissimo alleato dal momento che è ricca di fibre, vitamine ed acqua. Facile da portare in borsa e perfetta come spuntino post workout perchè in grado di ripristinare le scorte di glicogeno. Visto il periodo, scegliete la frutta rossa per migliorare il microcircolo e ridurre il problema delle gambe gonfie. Perfetta, inoltre, come spuntino post allenamento, la banana che apporta circa 100 calorie ma anche prezioso potassio.

Cioccolato fondente – Un quadratino (15-20 g circa) non rovinerà certo la tua dieta e ti permetterà di soddisfare la voglia di dolci.

 

Come bloccare la fame? Facendo sport!

come allenare le gambe squat palestraPotrebbe sembrare un controsenso ma, oltre a mangiare bene, è molto importante allenarsi con costanza. Questo perchè, fare sport, oltre a contenere i danni degli attacchi di fame:

  • rilascia endorfine,
  • ti fa stare bene,
  • ti permette di buttare fuori rabbia e tensioni
  • aumenta l’autostima.

Non serve eccedere facendo infinite ore di allenamenti, scegli piuttosto uno fra i migliori sport per rimetterti in forma proposti in un mio articolo precedente!

Se nonostante tutto il tuo impegno, gli attacchi di fame si presenteranno comunque, cerca di affrontarli con serenità senza colpevolizzarti per eventuali cadute.

Qualora non fossi in grado di gestire la situazione non esitare a chiedere un aiuto competente.

 

“La cavalleria non è morta…non ancora!”

Giuseppe Gimondo

No Comments

Post A Comment